lunedì 5 ottobre 2009

Maeght van Gottem: il cono di luppolo nel bicchiere.

Proprio oggi ho recuperato qualche bottiglia di birra molto interessante, e tra queste risalta senza dubbio la bottiglia di Maeght van Gottem, cioè "la vergine di Gottem", del microbirrificio belga Sint Canarus Huisbrouwerij. Che sia artigianale è senza dubbio, pure l'etichetta è scritta con il computer, in italiano. Segno che proprio l'etichetta non c'era e forse è una birra "illegale", almeno in Italia.
Così recita l'etichetta:

"Birra artigianale, non filtrata, non pastorizzata con Dry Hopping in bottiglia - Etichetta in costruzione - Ingredienti: Acqua, Malto d'orzo, luppolo, lievito e Fiore di luppolo in bottiglia".

Ma come fiore di luppolo in bottiglia? E' proprio così: seguendo la "moda" delle birre super luppolate, il birraio Piet Meirhaeghe inserisce in ogni bottiglia un cono di luppolo aromatico inglese, il Kent Golding. Il risultato? Versandola si nota subito questo cono di luppolo che fa splash nel bicchiere, e l'effetto è garantito. Non a tutti gradito, forse, ma comunque la sua scena la fa. Non sarà tutto merito del fiore fresco inserito nella bottiglia, ma la birra è decisamente amara e l'aroma di luppolo sempre ben presente, nonostante il buon equilibrio dato dal malto. E' molto torbida, opalescente, e sia nel naso che in bocca c'è un netto sentore di lievito. Il colore è quello di una blonde molta carica, un po' ambrata.
Sento un profumo (e anche un sapore) simile a quello delle caldarroste, ma nello stesso tempo una semplicità nella bevuta data da un citrico molto rinfrescante. E' molto saporita, e si lascia bere bene con il suo tenore alcolico pari a 6,5 %.

Dello stesso birrificio ho bevuto un paio di anni fa Willy Krieger: anche questa è una birra dove il luppolo la fa da padrone, bevuta al Delirium Café a Bruxelles la ricordo particolarmente secca. Il birraio sostiene che in effetti la Maeght van Gottem è proprio un'evoluzione della Willy Krieger...

Come si legge sul loro sito, il Sint Canarus Huisbrouwerij è uno dei più piccoli birrifici al mondo, ma è di qualità superiore. E noi lo terremo d'occhio...

Nessun commento:

Posta un commento

 

Copyright 2010 Voppebeer.com by Luca Celoria. All rights reserved.